ITA ENG

JOOP STOLZE: DALLE ORCHIDEE ALLE AUTO D'EPOCA

Nei Paesi Bassi-tra l'Aja, Rotterdam e Hock of Holland - c'è una città chiamata De Lier, nella regione del Westland

Foto

Questo territorio è conosciuto principalmente per l'orticoltura, praticata in grandi serre dove si producono pomodori, cetrioli, peperoni e fiori: orchidee, gigli, crisantemi. 
Anche il giovane Joop Stolze era un coltivatore e vendeva le sue bellissime orchidee, frutto del lavoro di un' impresa famigliare, che gestiva con la moglie ed alcuni dipendenti. Questa attività si svolgeva soprattutto d'inverno, quando la temperatura era propizia alla fioritura dei magnifici fiori. Quindi Stolze aveva del tempo libero in estate.

Insieme ai suoi due fratelli, il giovane imprenditore intraprese un viaggio in Inghilterra, nell'estate del 1976. Egli aveva notato, su una rivista specializzata, un annuncio di vendita di una Triumph TR3a del 1958. L'automobile era in buone condizioni e pubblicizzata a 1200 fiorini. Joop la acquistò e la portò in Olanda. Era la vettura che sognava da quando aveva 13 anni, allorché vide in un Salone dell'auto ad Amsterdam, una Triumph TR3a, nuova di zecca e si disse: "Quando sarò grande voglio comprare una macchina così per me".
A questo acquisto seguì presto una Jaguar XK. 
A un certo punto Stolze possedeva diverse automobili, che finì per vendere e rimpiazzare con altre automobili. Questa attività amatoriale gli dava molta soddisfazione e la ricerca di rare auto era per lui molto stimolante. Man mano che questo commercio progrediva,Joop non potè più coltivare orchidee e contemporaneamente occuparsi di automobili. Vendette una parte della sua serra e continuò a dedicarsi a tempo pieno alle auto classiche. Oggi Internet permette di visionare annunci di vendita da tutto il mondo, ma allora non era così; Stolze era abbonato a molte riviste internazionali del settore, che leggeva accuratamente, confrontando ogni annuncio. Divenuto un esperto, scopriva opportunità sempre più interessanti. Importava soprattutto dall'America, sia per l'ampia scelta nelle offerte ,sia perché il tasso di cambio del dollaro era favorevole. C'erano così tante automobili in vendita nell'immensa America!

Foto

Con il trascorrere degli anni la sua attività divenne sempre più impegnativa, la serra affollata, non di orchidee, bensì di Porsche, Mustang, Packard, Jaguar, Ferrari...ecc.
oltre a modelli rari, come una Packard del 1935, di cui realizzati solo 14 esemplari, e una  Apollo di cui la produzione si limitò a 40. Come sta oggi Joop Stolze ? Ha 76 anni, sta abbastanza bene e si occupa ancora di automobili sette giorni su sette. La serra, dove un tempo c'erano le sue centinaia di auto, è stata venduta.
In una fabbrica dove una volta si producevano le serre,ora si trovano più di 450 vetture d'epoca, e circa 200 fra vecchie motociclette e motorini. Non solo, ci sono anche Jukebox, slot machine, macchine a pedali e così via. 
Tutto è evocativo, ma tutto è in vendita. TUTTO, TRANNE QUELLA TRIUMPH TR3a DEL 1958!

 

Foto

L'edificio è composto da due piani: al piano superiore sono esposti i modelli meglio conservati; in quello inferiore le automobili da restaurare. Quattro meccanici lavorano a tempo pieno, e anche la figlia di Joop, Melanie, è impiegata e co-proprietaria della Stolze Classic Cars.
Nella maggior parte dei fine settimana, il cugino Gerrit Stolze organizza dei tour per gruppi di persone interessate,con cui l'azienda desidera condividere la storia di ogni automobile.
A causa del coronavirus questi tour sono stati molto diradati, con grande dispiacere del titolare. Contrariamente alle previsioni, le vendite non sono diminuite per la pandemia, anzi sono aumentate.
Come dice Stolze, coloro che avevano risparmiato hanno ritenuto un buon affare investire il loro denaro in un'auto classica: una scelta intelligente!
Ogni mese arrivano ancora dall'America container carichi di auto e Joop le compra personalmente, in base al suo infallibile istinto. Egli, pur a 76 anni, mantiene il pieno controllo dell'azienda, sapendo esattamente cosa acquista e cosa vende. I prezzi delle automobili sono fissi,sia per i privati che per i mercanti, senza distinzioni.
Compri la vettura che vedi; ovviamente la Stolze Classic Cars può rimettere a nuovo o restaurare l'auto, ma solo dopo che il cliente l'ha acquistata. In questo modo ogni cliente può decidere da solo come sarà l'auto dei suoi sogni.
A meno che non voglia restaurarla lui stesso, come passatempo,coinvolgendo tutta la famiglia!
La Stolze Classic Cars è aperta 6 giorni alla settimana e chiusa alla domenica, giorno in cui Joop risponde alle centinaia di e- mail che giungono. È anche il giorno in cui egli controlla quali auto sono state vendute e quali devono essere rimosse il lunedì successivo.
È un lavoro molto impegnativo spostare i veicoli venduti in uno show-room colmo di macchine, una vicina all'altra.
Questo è il motivo per cui gli spostamenti avvengono di lunedì.
Stolze si chiede cosa riservi il futuro alle automobili a benzina, se potranno continuare a circolare.
Egli pensa e spera che le auto classiche possano ancora farlo, in quanto pezzi storici da museo, ma il cui vero luogo di appartenenza è solo la strada!

Immagini